La telecamera cinematografica / per riprese "run & gun" perfetta?

Report dal set per le riprese del promo di Mitsubishi Motors girato a Dubai da Timothy Fare-Matthews

Credo che possiamo essere tutti d'accordo sul fatto che, visto come sono andate le cose nel 2020, i budget di produzione verranno ulteriormente tagliati, ci si aspetterà un valore ancora maggiore e gli strumenti che scegliamo dovranno offrire le prestazioni migliori di sempre.

Per evitarti di dover leggere tutto l'articolo, posso riassumere dicendo, in modo del tutto imparziale, che le persone non stanno riconoscendo il giusto merito a questa telecamera Sony. Per dirla semplicemente, la caratteristica più preziosa dell'FX9 è il tempo che ti consente di risparmiare.

Prima di raccontarti in che modo l'FX9 ha dato prova di questa sua capacità, voglio dirti chi sono e cosa faccio.

Mi chiamo Timothy Fare-Matthews, sono un direttore della fotografia britannico e attualmente vivo a Dubai. Sono il co-fondatore di First and Ten Productions (anche nota come FTEN), una delle principali case di produzione di Dubai. Collaboriamo con vari marchi nella creazione di video online e contenuti fotografici. In dieci anni di attività, abbiamo sviluppato oltre 2.000 progetti e tra i nostri clienti si annoverano VICE, Red Bull e l'attore Will Smith.

La mia passione è sempre stata la realizzazione di riprese di auto. Ho iniziato a produrre contenuti fin da giovanissimo, lavorando per la maggior parte nel Regno Unito, prima di trasferirmi negli Emirati Arabi.

Progetto da sogno con Mitsubishi Motors

Siamo stati molto fortunati perché subito dopo il lockdown, Mitsubishi Motors Medio Oriente e Africa ha deciso di proporci un progetto: il contenuto promozionale per la Attrage 2021.

Erano le prime riprese importanti dopo mesi e, come puoi immaginare, volevamo dare il massimo. Abbiamo deciso di realizzare due produzioni molto diverse tra loro con un budget pensato per una sola produzione.

Il primo progetto prevedeva le riprese di uno spot pubblicitario televisivo con la Attrage che percorreva le strade di Dubai sotto il sole cocente di giugno. Per farlo, dovevamo usare una configurazione composta da treppiede, gimbal e dispositivo portatile, con una troupe ridotta e pochissimo tempo per le riprese. Avremmo dovuto fare molto affidamento sulle ottiche G Master di Sony e usare quante più funzioni automatiche possibili. Sarebbero state delle vere e proprie riprese “al volo” con uno storyboard limitato, mentre la troupe avrebbe cercato di effettuare le migliori riprese possibili, in base alle circostanze.

Il progetto due, invece, era caratterizzato dal massimo controllo e prevedeva una panoramica cinematografica di altre quattro auto Mitsubishi in uno studio dotato di aria condizionata e una vasta troupe. Per queste riprese abbiamo montato l'FX9 su slider, abbiamo usato le ottiche cinematografiche di Sony e abbiamo fatto tutto manualmente.

Ecco cosa abbiamo scoperto.

Timothy Fare-Matthews e Ludovic Blot con l'FX9
Utilizzo dell'FX9 per le riprese della nuova Mitsubishi Attrage sulle strade di Dubai

Progetto uno: sulla strada

Abbiamo iniziato a effettuare le riprese alle 3 del mattino. Prima però abbiamo smontato e riconfigurato l'FX9 per adattarla a uno dei nostri gimbal Ronin originali. Siamo riusciti a bilanciare bene il tutto con il minino sforzo e abbiamo poi abbinato alla nostra configurazione la leggerissima ottica Sony E PZ 18-105mm f/4 G OSS. Non essendo full-frame, non potevamo utilizzare la modalità di scansione 6K full-frame, ma non importava perché noi volevamo qualcosa che avesse un'ampia gamma focale e che funzionasse bene in modalità automatica insieme alla telecamera.

In base allo storyboard, le nostre prime riprese della giornata si aprivano con il veicolo in movimento al sorgere del sole. Per effettuare le riprese mi sono avvalso dell'aiuto di un altro direttore della fotografia: Ludovic Blot. Ludovic e io filmiamo molti contenuti insieme e tendiamo ad effettuare riprese molto simili, quindi la sua collaborazione è stata fondamentale per il successo di questa sequenza.

Volevo capire fino a che punto potessi spingermi lavorando con un team ridotto e volevo anche vedere cosa potesse fare l'FX9 in modalità automatica. Sono molto sicuro dei risultati quando uso la messa a fuoco automatica dell'FX9 per riprendere le persone, perché il rilevamento facciale è straordinario, ma non lo sono altrettanto quando entrano in gioco gimbal e auto. Quindi, mi sono preso un rischio.

Mentre percorrevamo le tranquille strade secondarie di Dubai Marina, ho deciso di utilizzare l'app CBM (Content Browser Mobile) sul mio telefono per accedere alle funzioni della telecamera. Avevo già montato un Teradek Bolt 500 sulla telecamera e avevo fissato un monitor sul lato dell'abitacolo che però abbiamo usato pochissimo perché l'app CBM si è rivelata incredibilmente affidabile.

Riprese con l'FX9 dal retro di un camion a Dubai

Come puoi immaginare, l'esposizione, la modalità di bilanciamento del bianco, la messa a fuoco e la lunghezza focale richiedevano grande attenzione durante le riprese, quindi mentre Ludo si occupava di tenere fermo il gimbal e inquadrare la scena, io facevo il resto.

Ricordo che a un certo punto mentre io mi preparavo per l'inquadratura perfetta, ci siamo resi conto che per il modo in cui eravamo posizionati su uno dei ponti, avevamo il sole direttamente di fronte a noi. La ripresa era quindi sovraesposta, troppo ampia e del colore sbagliato. Mi è bastato toccare un interruttore per cambiare la modalità di bilanciamento del bianco, attivare un filtro ND e regolarlo per l'esposizione perfetta; quindi, ho ingrandito l'immagine per avere un primo piano del parabrezza e in soli 10 secondi era tutto finito. Mi sono sentito come trasportato nel futuro. Ludo e io abbiamo riso di come tutto si fosse combinato perfettamente.

Mi è bastato toccare un interruttore per cambiare la modalità di bilanciamento del bianco, attivare un filtro ND e regolarlo per l'esposizione perfetta...Mi sono sentito come trasportato nel futuro. Ludo e io abbiamo riso di come tutto si fosse combinato perfettamente.

Dato che siamo riusciti a effettuare tutte le riprese in solo un'ora, abbiamo potuto mettere via tutto e dirigerci verso la location successiva prima del previsto. (Quando mai è successa una cosa simile durante delle riprese?)

Nel corso della giornata, dovevamo girare un breve segmento di apertura, con l'attore che caricava e avviava l'auto, usando la modalità manuale. Avendo acquisito grande familiarità con l'FS7, è stato facile smontare l'FX9 dal gimbal e usarla come se fosse stata appena tirata fuori dalla confezione, cioè con solo il supporto da spalla della telecamera e il controllo manuale dello zoom sul lato destro del corpo. Da questa configurazione siamo poi passati al treppiede e infine siamo tornati al gimbal per alcune riprese al tramonto.

L'FX9 con il gimbal durante le riprese a Dubai.

In pratica abbiamo fatto quello che normalmente richiede tre giorni e quindici membri della troupe, in un solo giorno e con sole cinque persone, compreso il pilota.

Come ottiche ho utilizzato:
Ottica Sony E PZ 18-105mm f/4 G OSS
Ottica Sony FE 16-35mm f/2,8 GM
Ottica Sony Sonnar T* FE 55mm f/1,8 ZA
Ottica Sony FE 90mm F2,8 Macro G OSS
Ottica Sony FE PZ 28-135mm f/4 G OSS (di serie con il kit)

Quindi sostanzialmente ho usato un gimbal, una telecamera Sony e un'ottica Sony. Niente di più, niente di meno.

Riprese in studio della nuova auto Mitsubishi con l'FX9, Timothy Fare-Matthews e Ludovic Blot

Progetto due: riprese in studio

Una volta tornati in ufficio, abbiamo iniziato a configurare la telecamera con aste da 15 mm, matte box e follow focus, e abbiamo preparato l'FX9 per tre intensi giorni di riprese in studio a partire dalla mattina successiva. Eravamo molto contenti di poter godere di nuovo dell'aria condizionata e del caffè, e di avere una troupe più ampia a disposizione.

Abbiamo scelto gli studi televisivi Atlas di Motor City e il cliente ci aveva espressamente richiesto di riprendere tutti i veicoli su un elegante sfondo grigio.

La telecamera è rimasta su un treppiede o su uno slider Ronford-Baker per l'intera durata della produzione. Sony MEA ci ha anche dato in prestito l'ottica CineAlta Prime originale dell'F55 che è composta da sei ottiche con lunghezze focali da 20 mm, 25 mm, 35 mm, 50 mm, 85 mm e 135 mm, tutte con un'apertura T2 se non sbaglio. Si tratta di super ottiche da 35 mm, ma questo è irrilevante, perché qualsiasi direttore della fotografia abituato a riprendere auto sa che deve usare la maggiore lunghezza focale possibile.

Nell'arco dei tre giorni, abbiamo usato svariate configurazioni delle luci che hanno messo davvero alla prova le prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione dell'FX9. Ma sarò brutalmente onesto, la telecamera non ha mai perso un colpo. Le immagini erano talmente belle che ci siamo praticamente dimenticati che fosse parte della produzione. E non lo dico in senso negativo. Quello che intendo dire è che non ce ne siamo mai dovuti preoccupare. Abbiamo tutti potuto concentrare l'attenzione sulle luci, sui dettagli dell'auto e, soprattutto, sulle riprese.

È stato uno dei progetti più facili, efficienti e piacevoli su cui abbia mai lavorato.

Non sto dicendo che la telecamera ha fatto tutto, ma il non dovermene preoccupare, mi ha permesso di tenere impegnata solo metà della troupe nel controllo e nella regolazione della telecamera. Di conseguenza, abbiamo potuto dedicare più tempo ad altre aree, agevolando così la produzione e ottenendo una maggiore qualità.

Riprese in studio del direttore della fotografia con l'FX9 su un treppiede
Primo piano del viewfinder FX9 durante le riprese dello spot pubblicitario dell'auto.

Conclusioni

Che tu sia un fan di Sony o meno, queste telecamere sono semplicemente strumenti per svolgere un lavoro. (Niente di più). Ogni cosa dovrebbe essere giudicata per come funziona e per l'aspetto che ha quando è completa. Ho usato telecamere di molti marchi diversi, ed alcune avevano funzioni incredibili, ma io sono prima di tutto un uomo d'affari e preferisco usare qualcosa che mi permetta di risparmiare tempo e faccia felice il cliente.

Per riassumere, in entrambe le produzioni abbiamo combinato e adattato l'FX9 in base alle nostre esigenze, ed ha funzionato esattamente come volevamo. Siamo passati dai 49 °C all'esterno, ai 18 °C all'interno, e abbiamo effettuato riprese per oltre 10 ore per quattro giorni. Non ha mai perso un colpo. Non ci ha mai deluso e, soprattutto, è davvero facile da usare.

Secondo me l'FX9 ha il DNA di VENICE, la telecamera di punta di Sony, ma anche la robustezza dell'FS7; fa esattamente ciò per cui è stata progettata e non vedo perché si dovrebbe voler comprare qualcos'altro.

Per rispondere alla domanda iniziale, sì, esiste una telecamera che può essere usata sia nella cinematografia, sia nelle riprese “run & gun”:

è l'FX9.